E se… dovessimo trovare nuove soluzioni?

E se… invece di andare in vacanza e fermarsi, fossimo andati in vacanza continuando a lavorare?

Cosa è accaduto da maggio a settembre 2020? Al di là delle immagini che sono scorse nei principali telegiornali di informazioni, accompagnate da elogi politici fasulli rivolti agli italiani disciplinati ed attenti, l’Italia si è presa un riposo non meritato ed indisciplinato. Non avevamo lavorato bene e c’era ancora molto da fare, proprio in quell’attimo di respiro dato dal calo dei contagi e dal “bel tempo”. Un riposo non meritato non perché ognuno di noi non meriti il riposo ma perché non si era ancora fatto quello che sapevamo sarebbe dovuto essere fatto: creare un’Italia che sarebbe stata in grado di affrontare la famosa seconda ondata.

Abbiamo creduto che fosse passata la paura e l’emergenza. Abbiamo ripreso le vecchie abitudini, abbiamo messo la testa sotto una sabbia (quella delle spiagge) che di avrebbe dovuto vedere arrivare con carta e penna, con un laptop per poter cambiare, modificare, reinventare il nostro lavoro la nostra vita.

Avremmo meritato un’intera estate di riposo per alimentare la voce “turismo” se l’avessimo usata per godere del sole mentre stavamo lavorando al nostro futuro. Così non è stato. 

Molliche di pane

3 Febbraio 2021 - 9:00

Cambia anche la categoria delle comunicazioni ufficiali

Una svolta verso un contenbuto positivo
Leggi tutte
Menu

Aggiornamenti

2 Febbraio 2021 - 8:55

Pubblicità “COVID-19”

Pubblicità per la quotidiana igienizzazione della casa, libera dal COVID-19 al 100%, ogni giorno.
2 Febbraio 2021 - 8:46

La cronaca dei nostri giorni

Cosa accade? Come percepirlo? come verrà percepito? Può aiutarci cercare di immaginare l'occhio di un possibile futuro sul suo passato, nostro presente?
Leggi tutte
Back to top